Il primo libro della saga di Etreia


Veni vidi... Etreia

Veni, vidi... Etreia! Volume 1


In un mondo incantato, rimasto senza nome a causa dei litigi tra i cartografi, il giovane magistrato Ray e il suo scaltro servitore Kelban intraprendono un viaggio pieno di sorprese e incontri con improbabili personaggi, alla ricerca della misteriosa Etreia, la città più incredibile di tutto l'impero, dove un'oscura minaccia sta preparandosi a colpire...

Cielo che serietà!
E' un riassuntino corretto? Si, non ci piove.
Rende il libro? Uhm, pochino.
La verità è che ad Etreia è morto il prefetto e viene richiesto un sostituto all'amministrazione centrale. Peccato che negli uffici competenti nessuno conosca la città e non sanno come fare finché non appare Ray.
Grande e grosso, nobile, magistrato di fresca nomina con un ego paragonabile alla propria mole, a caccia di un incarico prestigioso. Problema risolto: si manda l'insopportabile Ray ad Etreia e gli si dice che la città deve trovarsela da solo, per dimostrare di avere le doti necessarie alla carica.
E Kelban chi è? Un ladro che soggiorna nelle patrie galere, condannato all'esilio e a far da balia a Ray.
Così i due partono, per cercare la loro nuova casa, che è la meta preferita dei fantasmi.
Perché piace agli spettri? Per il suo Luna Park creato apposta per loro!
Volete sapere altro?
Scaricate qui il primo capitolo e vi dico solo: buona lettura!




Piccole curiosità


Il nome Etreia è nato giocando con il nome di una nazione africana: l'Eritrea, come omaggio a mia madre e alla sua famiglia che lì è nata e cresciuta. Anche i cibi che Ray e Kelban assaggeranno nella cittadina sono originari di lì.

Le Cronache sono state scritte nell'arco di 10 mesi, interamente a mano, con una penna biro in madre perla che mi è stata regalata quando avevo 10 anni. E' stata il mio primo regalo "adulto", tenuta come un tesoro in attesa del momento giusto per usarla. Adesso in attesa di scrivere il secondo libro, firma le dediche ai lettori. Grazie Giorgio, mai regalo fu più gradito!

I personaggi principali sono ispirati a persone reali, anche se i loro vezzi e le loro piccole manie sono state esagerate per la storia... o forse no? Attenti quando camminate per strada potreste incrociare uno di loro!

Nascosti nella storia ci sono riferimenti ad altri libri o a film. Riuscirete a trovarli tutti?

La città di Tempus e il Nativus, li ho sognati. Probabilmente devo smetterla con la pizza ai peperoni la sera, ma mi piace troppo e anche i miei sogni, sono uno spasso!

Il primo volume del libro è stato venduto in provincia di Torino. Sconosciuto lettore, spero ti sia piaciuto e qui ti dico grazie, di cuore.


Informazioni sui personaggi principali


Aiery: è la segretaria del Prefetto di Etreia ed è anche una strega. La sua passione è la magia negromantica, ma i suoi incantesimi quasi mai hanno l'effetto voluto

Hatis: è il bardo di Etreia, il musicista, bello e dannato, almeno secondo il suo personalissimo parere. E' anche convinto di essere il depositario di tutte le mode di tendenza.

Kelban: ladro de La Capitale, finisce in galera dopo il tentato furto del Gioiello della Corona. Convinto di finire giustiziato per il crimine commesso, rimane piacevolmente sorpreso di vedersi risparmiato, anche se la grazia comporta la confisca di tutti i suoi beni e l'esilio.

Kim'ir: è il marito di Aiery. Ufficialmente lavora come maestro d'asilo, ufficiosamente tiene al sicuro Etreia dagli attacchi dei ciottoli assassini. Vi sembra strano? Credetemi, questo non è nulla.

Raytsunday: magistrato di fresca nomina alla caccia di un incarico prestigioso, viene spedito ad Etreia per prendere il posto del Prefetto da poco deceduto. Sembra tutto facile, ma lo sarà davvero?


Tereus: chierico di Etreia e sacerdote Platoista, si occupa della salvezza delle anime dei vivi, perché i morti si arrangiano benissimo da soli. Nel tempo libero ama coltivare rarissime specie di fiori.

Verbal Kid: è l'angelo inviato dal divino Tyr in aiuto ai suoi devoti discepoli... peccato che Tyr non lo sa e che il salvatore celeste è un centralinista con molto spirito d'iniziativa.


Vim: è un fantasma, responsabile del Luna Park di Etreia nonché giornalista d'assalto. Sarà il primo a capire che in città sta succedendo qualcosa di strano, riuscirà a convincerne anche gli altri?

Vuoi acquistare questo libro?

Ecco dove trovarlo:

Pubme (il sito dell'editore)
La Feltrinelli
Mondadori store
Ibs
Amazon



Norme sulla privacy